Lodigiano

Elezioni Provinciali. Il ricorso al TAR del PD dichiarato «inammissibile»

“Inammissibile”, così è stato definito il ricorso presentato al Tar da parte del PD lodigiano in merito alle elezioni del consiglio provinciale del 31 ottobre scorso.
La lista di riferimento era stata esclusa dalle elezioni a causa della mancanza dell’autenticazione di alcune firme di sottoscrizione delle candidature.
L’ istanza del PD si fondava sul fatto che “all’atto del deposito della lista il funzionario preposto al controllo della completezza della documentazione non ha rilevato la carenza successivamente registrata dall’Ufficio Elettorale Provinciale (di cui il funzionario in questione è peraltro componente), attestandone invece l’integrità, tramite il rilascio di una ricevuta in cui si dava atto, tra le altre cose, che le candidature fossero “firmate e autenticate”.

Il Tribunale Amministrativo Regionale si è invece pronunciato definitivamente, dichiarandolo, appunto, “inammissibile”.

«I dipendenti hanno svolto regolarmente le loro funzioni, rispettando l’onorabilità dell’ente e la piena assoluta legittimità di questo consiglio e dei consiglieri ai quali auguro buon lavoro, nell’interesse di tutti i lodigiani», dichiara il presidente Francesco Passerini.

«Anche il TAR ha dato torto al PD – commenta Claudio Bariselli, segretario provinciale della Lega – dimostrando nuovamente l’insussistenza della sua tesi. Ora avranno di nuovo da che dire o si chiuderanno in un più saggio silenzio? Se la lista del PD è stata esclusa dalle elezioni provinciali è solo per l’incompetenza dei rappresentanti che dovevano occuparsi della semplice e tradizionale procedura. Siamo all’ABC, se ne facciano una ragione».


Commenta con Facebook
Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest


There are 0 comments

Leave a comment

Want to express your opinion?
Leave a reply!

Lascia un commento

@import url(https://fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700);