Home Attualità Agricoltura Coronavirus, Rolfi: per aziende agricole, Regione in contatto costante con associazioni categoria

Coronavirus, Rolfi: per aziende agricole, Regione in contatto costante con associazioni categoria

239
0
Fabio Rolfi
Fabio Rolfi

Assessore: qualità prodotti agricoli assolutamente intatta

“Consumare lombardo e lodigiano per sostenere le imprese”

(LNews – Milano, 26 feb) “La qualità dei prodotti agroalimentari lombardi non è nemmeno oggetto di discussione, è assolutamente intatta. È fondamentale continuare a consumare lombardo e lodigiano per sostenere le nostre aziende agricole”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi in merito agli effetti del coronavirus sulle aziende del settore primario del lodigiano e, più in generale, della Lombardia.

Problemi di carattere logistico

“In questi giorni – ha aggiunto Rolfi – anche le imprese agricole che svolgono attività considerate essenziali hanno riscontrato problemi soprattutto di carattere logistico. Già lunedì 24 la Regione Lombardia ha organizzato una videoconferenza con i rappresentanti del mondo agricolo, industriale e cooperativistico per introdurre soluzioni adeguate. Ci riaggiorneremo domani, nel frattempo siamo riusciti a dare le prime risposte concrete, sempre in accordo con la prefettura e l’Ats di riferimento”. “Siamo vicini – ha proseguito – alle aziende ora, per consentire di superare questa fase particolare di difficoltà operative. E soprattutto domani, per rilanciare la promozione dei prodotti di qualità e l’immagine di uno straordinario territorio agricolo e agrituristico”.

Videoconferenza con ministro Bellanova

Ieri sera si è tenuto, in videoconferenza, un incontro con il ministro Bellanova per affrontare la situazione. “Abbiamo chiesto al Governo la disponibilità a valutare un nuovo decreto specifico – ha detto Rolfi – per sostenere il comparto agricolo anche sotto il profilo economico, a partire dalle misure finalizzate a sostenere il costo del lavoro e alla promozione nei mercati dei prodotti agricoli delle zone interessate”. “Che per nessun motivo – ha concluso – devono essere oggetto di speculazione”. (LNews)