Home Territorio Cremonese Consiglio Autonomie Locali Lombarde. Foroni: “richiesto all’unanimità intervento della Regione”

Consiglio Autonomie Locali Lombarde. Foroni: “richiesto all’unanimità intervento della Regione”

110
0

Si è riunito questa mattina a Milano, presso la sede del Consiglio Regionale della Lombardia, il “Consiglio delle Autonomie Locali” (CAL). Presente all’incontro, insieme a numerosi Presidenti di Provincia e Sindaci dei Comuni della Lombardia, anche il Presidente Pietro Foroni, che è altresì membro dell’ufficio di Presidenza CAL.

“Nella riunione di oggi – spiega il Presidente Foroni – il Consiglio di CAL, ha deliberato all’unanimità di chiedere alla Giunta regionale la proposizione del ricorso per illegittimità incostituzionale delle disposizioni contenute nell’art. 23 della Legge 114 del 2011 e di affidare mandato al Presidente di CAL, Guido Podestà, di trasmetterne la delibera al Governatore Formigoni. Le nostre motivazioni – spiega ancora Foroni – ampiamente sostenute da tutti, sono le medesime di quelle che stiamo portando avanti anche come UPL e UPI. E’ del tutto evidente, quindi, la piena condivisione dei principi che vedono la violazione della Costituzione negli articoli 114, 117 e 118, essendo le Province Enti locali di Governo, espressamente previsti nella Carta costituzionale e non modificabili nella struttura, come invece previsto nella Legge 214, in enti di secondo grado, con mere funzioni di coordinamento delle attività proprie dei Comuni. Il Consiglio, inoltre, è stato concorde nel ritenere che non sussistono in alcun modo le ragioni di necessità e di urgenza che giustificano il ricorso alla decretazione da parte del Governo, e comunque, altresì impossibile modificare con legge statale ordinaria quanto disposto dalla Costituzione. Per quanto riguarda, invece, il commissariamento previsto nei confronti delle Province che andranno al voto nel 2012, questo, inciderebbe sia sull’autonomia degli enti stessi che sul diritto dei cittadini di eleggere democraticamente gli organi provinciali”.

“Se il Consiglio di CAL è approdato all’unanimità ad un risultato come questo, – conclude Foroni – significa che non solo tutte le Province ma anche i tutti i Comuni, a prescindere dal colore politico, hanno ritenuto fondamentale ed opportuno chiedere a Regione Lombardia d’intervenire su una legge palesemente incostituzionale, che mina la democrazia stessa e che avrebbe pesanti ripercussioni sia verso i Comuni che per le Regioni. Il 31 Gennaio tutte le Province convocheranno Consigli provinciali aperti, in tale occasione, auspico che ci possa essere una grande partecipazione di sia cittadini lodigiani che di Sindaci del nostro territorio, per approfondire insieme le conseguenze che deriverebbero da una decisione come quella che il governo Monti vuole legittimare”.