Home Territorio Lodigiano Comunali. “Insieme per il Lodigiano” ufficializza l’appoggio alla Cominetti. Maiocchi: «Auspico che...

Comunali. “Insieme per il Lodigiano” ufficializza l’appoggio alla Cominetti. Maiocchi: «Auspico che tutto il centrodestra faccia questo passo» (Video intervista)

50
0

Pavese Maiocchi Zireddu

QUI LA VIDEO INTERVISTA A ELENA MAIOCCHI

Elezioni Comunali. E’ stato definitivamente ufficializzato oggi pomeriggio l’appoggio da parte della lista “Insieme per il Lodigiano” a Giuliana Cominetti come candidato sindaco di Lodi. Dopo essere stati in schieramenti opposti, ora la figura del vicesindaco uscente che negli ultimi anni era nella giunta di centrosinistra correrà con una lista che le faceva opposizione. Intanto si attendono le conferme di Pdl e Lega Nord per il possibile ingresso nella medesima coalizione. «Mi auspico e spero che tutto il centrodestra faccia questo passo» ha dichiarato l’assessore provinciale Elena Maiocchi (Insieme per il Lodigiano).

«Dopo diversi confronti – ha spiegato la Maiocchi – abbiamo deciso di appoggiare Giuliana Cominetti, con la quale ci conosciamo dal 2009 ed abbiamo sempre collaborato, pur appartenendo a due schieramenti opposti. Abbiamo messo da parte il credo politico già in tutte quelle occasioni ed iniziative che potessero essere importanti per il territorio. La Cominetti si è messa a disposizione di tutti coloro che volessero seguire il suo programma. A noi sono piaciuti sia il programma sia la persona, la quale è rappresentativa della società civile. Tanti i punti che si affrontano, come la sicurezza, i giovani, la cultura, ecc. Lodi è una città che ha bisogno di essere risvegliata – ha continuato l’assessore -. Non faremo una campagna di battaglia, ma di costruzione.»

Anche il consigliere comunale uscente Salvatore Zireddu ha confermato che «pur essendo stati su fronti opposti, ci ha colpito il senso civico della Cominetti e dei suoi consiglieri, fuori dalle logiche dei partiti. Molti principi si sposavano con i nostri ed abbiamo iniziato ad instaurare un sempre maggior dialogo dopo le dimissioni di Guerini». Giovani e lavoro, tempo libero e divertimento (con una città da rianimare) e oratori con la loro funzione educativa sono stati i temi sottolineati invece dal giovane segretario Marco Pavese. Temi che hanno trovato anche per Pavese il riscontro con l’operato Cominetti.

«Abbiamo stabilito delle regole fondamentali fin da subito sulle quali venirci incontro, una condivisione dei punti del programma. Se fosse stato altrimenti avremmo cercato un altro candidato. Ognuno invece ha fatto dei passi per incontrare l’altro» ha concluso la Maiocchi.