Home Appuntamenti Comazzo. Storia del Cioccolato, due appuntamenti didattici per gli alunni della primaria

Comazzo. Storia del Cioccolato, due appuntamenti didattici per gli alunni della primaria

42
0

L’Amministrazione Comunale, in collaborazione con Gemeaz Elior, ha organizzato per gli alunni delle scuole di Comazzo, una iniziativa di educazione alimentare: La Storia del Cioccolato.

Due gli appuntamenti: l’11 gennaio con le classi quarte e quinte e il 18 gennaio con le prime, seconde e terze classi della Scuola Primaria, per un totale di circa 100 bambini. Gli alunni seguiranno un percorso didattico, a partire dalle origini del cioccolato, dalla coltivazione del cacao nelle piantagioni, attraverso tutte le fasi di lavorazione. Tra curiosità e aneddoti, verranno affrontate anche tematiche legate alla solidarietà, come il “mercato equo-solidale”. Dopo la teoria, gli studenti sono coinvolti in una degustazione di tre tipi di cioccolato (bianco, al latte e fondente). Sono invitati a prestare attenzione anche all’odore, alla consistenza e all’aspetto. Infine, compileranno una scheda di valutazione sulle caratteristiche organolettiche di quanto assaggiato.

Gemeaz Elior, azienda del Gruppo Elior, numero uno nella Ristorazione Collettiva in Italia, si occupa della ristorazione delle scuole dell’Infanzia e Primaria di Comazzo, preparando ogni giorno circa circa 160 pasti. L’iniziativa rientra nel progetto multidisciplinare di Gemeaz Elior per le scuole. Le attività sono realizzate dalla dietista Amelia Riboni e coordinate da Claudia Saroni, Responsabile dell’educazione alimentare del Gruppo.

L’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Comazzo, Simona Borsotti, dichiara: “L’importanza di questo progetto non è da sottovalutare poichè il cioccolato oltre ad essere un alimento goloso è ricco di sostanze importanti per il nostro corpo. E’ bello che i bambini scoprano come come si ricava il cioccolato partendo dalla pianta del cacao, dalla raccolata del chicco e quali sono le fasi lavorazione per arrivare al prodotto finito che loro acquistano.”