Home Attualità Camera di Commercio. Previsione 2012, Zucchetti: «Supportare il sistema economico locale»

Camera di Commercio. Previsione 2012, Zucchetti: «Supportare il sistema economico locale»

70
0

La Camera di Commercio di Lodi ha presentato la Relazione previsionale e programmatica 2012, il documento di indirizzo strategico che anima gli interventi e le politiche camerali e il Preventivo di esercizio per l’anno nuovo.

Anche nel 2012 l’azione della Camera si muoverà nel quadro degli obiettivi tracciati dalle linee programmatiche pluriennali, tenendo tuttavia conto del drastico cambiamento degli scenari generali e dei riflessi sulla situazione locale che impongono filoni di iniziativa funzionale a fronteggiare l’emergenza: quello dedicato alla crisi economica e quello finalizzato a favorire il sistema economico locale.

Ponendo attenzione allo scenario economico e ai diversi punti di criticità che esso presenta nonché agli obiettivi strategici individuati  nel programma di attività pluriennale, la Camera ha riconosciuto di dover dare rilevanza al rafforzamento delle capacità di penetrazione di nuovi mercati incentivando le esportazioni lodigiane verso nuove aree favorendo i tassi di crescita. Un rinnovato impegno sarà pertanto rivolto a sfruttare al meglio la partecipazione a missioni all’estero, a fiere internazionali, all’accesso a servizi di accompagnamento.

Una variabile cruciale è stata individuata nell’accesso al credito, che evolve oggi verso vincoli dovuti alla carenza di liquidità del sistema bancario. Le azioni che la Camera si promette di attivare saranno mirate a contenere le strozzature che possono affievolire la capacità innovativa delle singole imprese e la loro forza sul mercato.

L’ente camerale proseguirà nella promozione di canali di agevolazione del rapporto banca-impresa, in particolare attraverso l’interlocuzione con i Confidi e le iniziative straordinarie avviate in funzione anti-crisi anche con l’Amministrazione provinciale. Una nuova attenzione particolare verrà poi riservata a sostenere le politiche per l’occupazione e interventi di sostegno alle start-up.

La valorizzazione del territorio provinciale sarà perseguita attraverso azioni di marketing e con l’adesione al progetto Unioncamere “Invest in Lombardia”. L’attrattività del Lodigiano è sostenuta coniugando identità territoriale e sviluppo competitivo, incrementando l’attenzione su nuovi investimenti produttivi, tra i quali la realizzazione prioritaria del Bio & Food Park.

In particolare la Camera, in collaborazione con gli altri attori territoriali, si impegna poi a promuovere le aree dismesse e a favorire un’ampia riflessione su infrastrutture, incentivi, servizi, innovazione al fine di rendere l’offerta più appetibile.

A sostegno del sistema economico locale, le scelte camerali sono rivolte poi ad accompagnare le imprese verso nuovi modelli organizzativi e gestionali incentrati sulle sinergie e sui distretti, e a favorire l’autoimprenditorialità anche giovanile e femminile attraverso la diffusione della cultura d’impresa.

L’apporto dell’ente di via Haussmann insisterà inoltre sugli aspetti organizzativi e promozionali della fruizione turistica e della promozione del settore commerciale, con specifico riferimento agli esercizi di vicinato anche alla luce della collaborazione assicurata ai 4 distretti del Commercio (Distretto urbano di Lodi e Distretti diffusi del Basso Lodigiano, di Lodi Vecchio e di Sant’Angelo).

Infine, alla luce dei nuovi scenari individuati a sostegno e valorizzazione delle imprese, particolare sforzo verrà profuso a favore delle creazione di nuove imprese, ai percorsi mirati di economia sostenibile, ai contratti  di rete e a proseguire l’azione di stimolo sui temi della responsabilità sociale.

Come ha precisato il Presidente Alessandro Zucchetti (in foto): “L’impegno che ci siamo prefissati è forte e risponde all’esigenza, quanto mai importante oggi, di supportare il sistema economico locale. Con € 1.300.000,00, la Camera intende per il 2012 mantenere un livello elevato di interventi promozionali a favore delle imprese, valore considerevole se si pensa al trend sfavorevole delle entrate dovuto alla crisi. Il disavanzo economico previsto di € 315.000,00 sarà coperto dal patrimonio netto camerale”.