Home Attualità Ambiente e Natura Bioenergie, in arrivo legge regionale contro speculazioni e consumo di suolo

Bioenergie, in arrivo legge regionale contro speculazioni e consumo di suolo

59
0

La Regione Lombardia sta mettendo a punto un’iniziativa legislativa per mettere un freno al consumo di suolo e alle speculazioni sulle bioenergie. Lo ha annunciato l’assessore regionale all’agricoltura Giulio De Capitani durante l’incontro con i vertici della Coldiretti Lombardia ieri sera a Milano nella sede dell’associazione in via Filzi.

“E’ necessario regolamentare gli impianti a biogas in modo preservare i suoli agricoli dalle mire economiche di imprenditori lontani dall’agricoltura e pronti a tutto pur di ottenere guadagni a breve termine” – ha affermato il Presidente di Coldiretti Lombardia Nino Andena.

Un fenomeno di particolare rilevanza ad esempio in provincia di Cremona dove il 15 per cento del suolo agricolo è già stato dedicato agli impianti a biogas, per i quali sono in corso di realizzazione quasi 130 progetti (di cui 50 già in esercizio, 28 in costruzione e il resto in fase di autorizzazione), con un boom negli ultimi due anni.

Anche sul fotovoltaico l’obiettivo di Coldiretti è favorire la posa dei pannelli sulle superfici coperte già esistenti in modo da evitare che finiscano “seminati” sul terreno togliendo spazio alle coltivazioni agricole. “La nostra preoccupazione – ha detto Andena – è rivolta da un lato ad evitare un paesaggio impoverito da estensioni di mais destinato agli impianti a biogas o da coltivazioni di pannelli solari e dall’altro puntiamo alla tutela e al sostegno degli agricoltori affinchè continuino a coltivare la propria terra”.

Preoccupazioni condivise dall’assessore De Capitani  secondo cui “la produzione di energia da fonti rinnovabili deve essere intesa come un’integrazione al reddito degli agricoltori, non certo sostituirsi alle produzioni tradizionali che dobbiamo tutelare e difendere con estrema determinazione anche per evitare operazioni speculative che certo non gioverebbero all’economia rurale sul lungo periodo”.