Home Attualità Asvicom: «Chi si candida a guidare Lodi dimostri di considerare nostro settore...

Asvicom: «Chi si candida a guidare Lodi dimostri di considerare nostro settore una risorsa per la città»

89
0

Lodi – Le prospettive di rilancio delle politiche di sostegno al settore commerciale sono state al centro dei lavori della riunione del consiglio direttivo di Asvicom che si è svolta venerdì 24 febbraio.

«La città si avvicina all’importante appuntamento delle elezioni per il rinnovo dell’amministrazione comunale – ricorda il presidente di Asvicom, Vittorio Codeluppi – e tra i temi fondamentali che dovranno essere sviluppati nei programmi che saranno portati all’attenzione dei lodigiani, riteniamo che quello della valorizzazione della rete locale del commercio e delle attività produttive, come risorsa economica e occupazionale, debba avere un ruolo di primo piano. La nostra Associazione, che ha sempre interpretato in modo attivo il suo ruolo di rappresentanza della categoria, ha già ufficialmente dichiarato di essere pronta al confronto con tutte le forze politiche interessate a collaborare alla definizione di strumenti e iniziative a supporto del comparto commerciale e dei servizi e venerdì il consiglio direttivo ha pienamente confermato questa disponibilità, che ora attende un riscontro da partiti e movimenti. Da parte nostra, le idee e le proposte non mancano, così come la volontà di impegnarsi per realizzarle: confidiamo che questo contributo venga apprezzato, non solo nella definizione dei programmi elettorali, ma soprattutto nell’azione amministrativa. Chiunque avrà la responsabilità di amministrare Lodi, avrà in Asvicom un partner affidabile, se promuoverà politiche concretamente positive per il tessuto produttivo».

Nel frattempo, il Direttivo di Asvicom proseguirà l’approfondimento dei temi che sono stati individuati come prioritari, sviluppando proposte e idee che definiranno una piattaforma programmatica sul commercio da presentare alle forze politiche.

Tra gli spunti presi in considerazione, l’aumento dell’attrattività ricreativa e culturale del centro storico come “volano” per il turismo commerciale, l’intercettazione di flussi turistici mediante l’individuazione di tour operator, il miglioramento dell’accessibilità (in particolare tramite una maggior disponibilità di aree di sosta ed il potenziamento delle navette di collegamento tra i parcheggi di attestamento ed il centro storico), la rivitalizzazione dell’attività serale anche fuori dalla stagione estiva (con l’abolizione, o la riduzione, a titolo sperimentale della Zona a Traffico Limitato), l’apertura di un tavolo di confronto stabile e permanente tra la categoria e la giunta comunale.


SCOPRI QUI LE MIGLIORI OFFERTE DELLA TUA CITTA’!

Casanova sindaco Lodi