Home Territorio Lodigiano Amatori Lodi, dall’inferno al paradiso in poco meno di una settimana

Amatori Lodi, dall’inferno al paradiso in poco meno di una settimana

14
0

23 Aprile 2011 – Dall’inferno al paradiso in poco meno di una settimana. L’Amatori Lodi , unica delle grandi ad aver perso gara 1, ribalta le sorti della qualificazione e vola in semifinale con due vittorie in tre giorni che permettono anche quest’ anno ai ragazzi di Aldo Belli di entrare fra le quattro migliori formazioni del torneo. Anche ieri sera il Lodi ha dovuto faticare e non poco per avere ragione di un Molfetta che ha confermato una volta di più di essere una delle più belle realtà di quest’anno, guidata da un allenatore serio, preparato, educato; Michele Poli è arrivato in corsa e ha guidato la formazione pugliese in un finale di campionato scoppiettante. Nello spareggio di venerdì  i suoi ragazzi sono usciti a testa alta tra gli applausi dei duemila del Palacastellotti. La partita ha visto il Lodi andare subito in svantaggio per la rete siglata da Spadavecchia, abile a inserirsi nel cuore dell’ area giallorossa al quarto minuto. La reazione dei lodigiani non si fa attendere e già dopo tre minuti Platero ristabilisce la parità ben servito da Montigel da dietro porta. Il giovane argentino, di gran lunga il migliore in campo , si ripete tre minuti dopo e con il Lodi in vantaggio per 2 a 1 si chiude la prima frazione. Nella ripresa il Lodi trova l’ allungo che sembra decisivo con le reti di Festa e Montigel. Ma il Molfetta non ci sta e con la doppietta di Baieli a sette minuti dalla sirena finale riporta in bilico il discorso qualificazione. Ci pensano Romero e Platero a siglare le due reti che chiudono il match e fissano il risultato finale sul 6 a 3 per i giallorossi padroni di casa. Il mister Aldo Belli può ritenersi soddisfatto della prestazione dei suoi, ora c’ è tutto il tempo per preparare al meglio la semifinale che si disputerà ai primi di maggio contro la vincente di Valdagno- Seregno, con i veneti grandi favoriti e già vittoriosi in gara1.

Massimo Stella