Home Appuntamenti 7 febbraio: apre anche a Lodi il SIM Carabinieri, il Sindacato Italiano...

7 febbraio: apre anche a Lodi il SIM Carabinieri, il Sindacato Italiano Militari

742
0
foto festa carabinieri
immagine di repertorio

Ora anche i carabinieri hanno un sindacato: dopo la storica svolta resa possibile dalla sentenza 120 del 2018 della Corte Costituzionale che, modificando l’articolo 1475 del Codice dell’ordinamento militare, ha reso possibile per i militari costituire associazioni di carattere sindacale.

Da questa epocale pronuncia prese vita il SIM (Sindacato Italiano Militari) Carabinieri, nato con l’assemblea costitutiva svoltasi a Roma il 2 febbraio 2019, prima realtà associativa a carattere sindacale autorizzata in Italia.

Una realtà in continua crescita ed affermazione che, benché ancora non sia stata emanata dalle Camere una apposita legge che sancisca diritti e funzioni dei nuovi sindacati militari, già è attiva per il personale e nei rapporti con l’Istituzione ed in costante aumento di iscritti ed espansione sul territorio.

Alle province del sindacato già operative in Lombardia, il giorno 7 febbraio 2020 , si aggiungeranno le Segreterie di Lodi e Pavia, alle quali seguiranno a poca distanza di tempo quelle di Bergamo e Crema. All’evento, che si terrà a Lodi presso la “Sala Conferenze della Società Operaia di Mutuo Soccorso” in via Callisto Piazza n.7, parteciperanno, oltre agli iscritti delle costituende realtà provinciali, rappresentanze di altre realtà sindacali, il Segretario Generale Nazionale del SIM Carabinieri Antonio Serpi, il Segretario Generale Nazionale del SIM Guardia di Finanza.Luigi Credentino, il Segretario Nazionale del SAP Gianpiero Timpano e il Segretario Nazionale SIM Carabinieri Dino Caputo. Alla costituzione delle segreterie seguirà l’ “XI Convegno provinciale sulla Sicurezza” incentrato sulle garanzie funzionali degli operatori delle forze di polizia e sulle nuove dotazioni già sperimentate nel controllo del territorio. Interverranno inoltre ai lavori la Presidente dell’Associazione vittime del dovere Emanuela Piantadosi, gli avvocati Michele Apicella e Pietro Porciani, la consulente del lavoro Stella Crimi e il Segretario Regionale Generale SIM Carabinieri della Lombardia Gianluca Privitera.

Antonio Serpi, sotto la cui direzione il SIM Carabinieri ha recentemente festeggiato il suo primo anno di attività superando i 2400 iscritti, ha dichiarato che l’azione sindacale del SIM ha un solo obiettivo: “la tutela di ogni singolo Carabiniere”.

Il Segretario Generale Regionale per la Lombardia Gianluca Privitera si dice molto soddisfatto dell’attività svolta dal SIM in terra lombarda dove, soprattutto negli ultimi mesi e seguendo le linee guida impartite dal Nazionale, è stata tangibile la vicinanza ai colleghi da parte del Sindacato da lui coordinato sul territorio regionale: “Abbiamo affrontato e contribuito a risolvere molte problematiche, sia personali che generali. Siamo una squadra affiatata di colleghi vicini ai colleghi che si adopera per il benessere dei Carabinieri e dell’Arma. Semplicemente questo.” Questa l’alchimia dietro al successo e alla crescita esponenziale del SIM in Lombardia.

“L’obiettivo del SIM Carabinieri”, continua il Segretario Generale Regionale della Lombardia, “è di creare un collegamento tra i carabinieri che operano sul territorio e la scala gerarchica dell’Arma, al fine di instaurare un rapporto di cooperazione per dare un contributo concreto alla serenità del personale, alla sua sicurezza ed al contempo alla conseguente migliore efficienza dell’Istituzione: insieme per migliorare, perché chi è tutelato e messo nelle migliori condizioni lavora meglio a vantaggio di tutti, soprattutto dei cittadini.”