Home Attualità Incontro di San Bassiano, il Vescovo invita l’Unione Artigiani a condividere l’idea...

Incontro di San Bassiano, il Vescovo invita l’Unione Artigiani a condividere l’idea alleanza educativa

50
0

Martedì 17 gennaio alle 18 si è rinnovato il tradizionale incontro fra il Direttivo dell’Unione Artigiani di Lodi e Provincia e Mons. Merisi in vista della festa patronale di San Bassiano. Un omaggio che si rinnova da vent’anni, sottolineando il legame dell’associazione con le radici cristiane e il responsabile della Diocesi di Lodi.

Il Presidente Carelli, ancora una volta, ha affidato l’incerto futuro delle imprese e delle famiglie artigiane alla sua benedizione, illustrando l’impegno dell’Associazione nel sostenere in particolare i giovani con iniziative legate all’apprendistato e alle scuole. Uno sforzo che si prefigge anche di “togliere i ragazzi dalla strada e di offrire loro un’opportunità in un momento in cui sembra non ve ne siano e parole come ‘gavetta’ e ‘sacrificio’ vanno accettate e messe in pratica”.

Il Vescovo ha condiviso e rafforzato le riflessioni del presidente, invitando ciascuno a fare ciascuno la propria parte dando il meglio di sè. “Occorre avere un atteggiamento di impegno, non di lamentela – ha osservato – e chiedersi cosa è possibile fare, ora, per la società civile. Dobbiamo tutelare e promuovere l’attenzione ai giovani favorendo l’aggregazione, lo stare insieme e proponendo loro, se possibile, un’offerta, un cammino da percorrere. Bisogna che la scuola sia adeguata, che chi ha competenze abbia il piacere di trasferirle per spronarli ad avere entusiasmo in questo momento non facile. Non tutti hanno rinunciato a cercare lavoro o si lasciano prendere dalla noia; la mancanza di motivazione spesso nasce dalla visione buia del futuro. Per questo c’è bisogno di creare una sorta di ‘alleanza educativa’ che su più fronti – dalla scuola al lavoro; dall’ambiente sportivo all’oratorio – sappia scuoterli preservandone l’entusiasmo e la freschezza”.

E’ questa l’esigenza della Chiesa espressa all’inizio del Piano Pastorale 2011-14; un invito che le  imprese artigiane, fatte soprattutto di persone intendono raccogliere, pur fra mille difficoltà.

Lo ha sottolineato il segretario Mauro Sangalli: “Anche la crisi può svelarci un inaspettato aspetto positivo: la ricsoperta di valori dimenticati, delle piccole cose. E visto che la nostra Regione ospiterà un appuntamento eccezionale come l’Incontro Mondiale delle Famiglie potremo cercare di vivere questa occasione per ricercare quell’alleanza fra soggetti diversi (non si parla del resto ovunque di sinergie?) per relazionarci tutti in modo più vero e sincero. Anche a questo impegno, per il DNA che da sempre le appartiene, Unione vorrebbe rispondere aprendosi ad un contesto più squisitamente sociale. E magari, ce lo auguriamo!, sottolineare concretamente l’importanza del ‘fare’ rispetto a quella, molto diffusa, del ‘dire’.”